Ottobre, il mese che ci porta nel cuore dell’autunno, è un periodo di transizione in cui il nostro giardino si prepara per il riposo invernale. Le giornate di sole ci regalano ancora l’opportunità di godere del nostro spazio verde e di prendersi cura di esso. Mantenere il giardino in ottobre è fondamentale per preservare la salute del terreno e garantire una crescita rigogliosa delle piante nella stagione successiva.

Per ottenere risultati ottimali, è importante conoscere i lavori di giardinaggio da eseguire in ottobre, cosa piantare e come curare il nostro giardino per mantenerlo sempre in perfetta forma.

Pulizia e potature

A metà mese, è consigliabile procedere con l’ultimo taglio dell’erba e iniziare a rastrellare le foglie cadute. Valuta la possibilità di riseminare il prato per riempire eventuali lacune o per rinfoltirlo. Il clima fresco e le piogge autunnali favoriranno la germinazione delle sementi.

È opportuno potare cespugli, aiuole e arbusti, eliminare i rami spezzati e trinciare gli scarti. Le foglie secche cadute possono essere raccolte e riutilizzate per la creazione di un compost fatto in casa o per le pacciamature.

Mettere al riparo le piante da interno

Durante i mesi caldi, le nostre piante hanno potuto godere dell’aria aperta, crescendo rigogliose in balcone o in giardino. Tuttavia, a ottobre, è necessario riportarle in casa prima delle prime gelate notturne. È fondamentale controllare che non siano state infestate da parassiti o colpite da malattie fungine.

Semina di fiori e piante

Ottobre è il periodo ideale per mettere a dimora diversi tipi di fiori e piante. Potrai godere di fioriture abbondanti già agli inizi della primavera successiva. Alcune tra le semine ideali per questo periodo sono: papavero, fiordaliso, narcisi, tulipani, giacinti, piante rampicanti come i rosai e le ortensie.

Puoi anche provare a seminare le camelie, che in questi giorni maturano i loro grossi frutti; metti i contenitori all’aperto, ma riparati dal vento.

Ottobre è anche il mese delle talee: puoi preparare talee di rose, camelia e ortensia utilizzando il legno vecchio. Per realizzarle,

  • prepara parecchi contenitori da riempire con un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali,
  • quindi inserisci le talee, interrandole di pochi cm, dopo averle immerse nell’ormone radicante.

Se l’inverno sarà molto rigido è opportuno conservare i contenitori con le talee in luogo riparato, in modo che il terreno non geli. In caso di inverno mite possiamo anche lasciarli all’aperto, ma al riparo dal sole e dal vento.

 

Eccoci arrivati alla fine e anche questo mese speriamo di avervi tenuto compagnia e di avervi dato qualche buon consiglio!

Il consiglio del giardiniere è sempre: CURATE IL VOSTRO GIARDINO!

Vi diamo appuntamento a Novembre!